martedì 22 marzo 2011

Follia razzista e guerrafondaia

Nota Personale:
Lo scopo di questo Blog è fare Controinformazione e cercare, nel mio piccolo, di combattere la Disinformazione a cui ognuno di noi è sottoposto tutti i giorni.
Quindi solitamente cerco di non pubblicare post "politici" ne di Destra ne di Sinistra perchè si sa che la politica non è obiettiva.
Cio nonostante ho deciso di pubblicare di seguito questo post che è un'accorata autocritica di sinistra, una sinistra mai così guerrafondaia come in questi giorni ...

In un libro-intervista che ho letto di recente il Presidente Cossiga diceva che la politica non può essere coerente e lo scopo principale di un partito all'opposizione è far cadere il governo in carica.

Io mi sentirei di aggiungere però che quando ci sono in gioco interessi nazionali economici e strategici così alti ci dovrebbe essere un limite da non oltrepassare ...

Buona lettura
Info Tricks
________________________________


E' veramente sconcertante la follia razzista e guerrafondaia che ha preso gran parte della sinistra italiana. Perchè non è solo una questione di propaganda, di subalternità culturale alle campagne mass-mediatiche televisive. C’è anche questo, ma non solo.

Non è solo questione di ingenuità, di pensare che davvero l’interesse della Francia sia di sostenere il popolo libico e non di sostituire l’Italia nel controllo del petrolio libico. Di aver creduto che la Germania avesse riconosciuto negli anni ’90 la secessione della Croazia e della Slovenia per bontà e non per portarle nell’area di influenza del Marco o che la Nato avesse bombardato la Serbia per ragioni umanitarie, che gli Usa avessero fatto la guerra a Saddam Hussein per trovare le armi di distruzione di massa, che gli Usa avessero invaso l’Afghanistan per trovare Bin Laden e non per installarsi militarmente nel cuore dell’Eurasia, ai confini con India, Cina e Russia, eccetera, eccetera.

Non è solo questo, segno che questa sinistra, e non solo quella presente in parlamento, è allo sbando completo e alla mercè di tutte le ideologie capitalistiche, dei Marchionne e dei vari Emilio Fede televisivi. Secondo me non è solo questo. In questi giorni ho sentito emergere anche un vero e proprio razzismo, una sorta di superiorità bianca su un mondo che non è tutto "civile", bianco e cristiano come quel piccolo manipolo di paesi capitalisti dominatori da secoli del mondo, che ha colonizzato, oppresso, sfruttato, schiavizzato, rapinato a mano armata la stragrande maggioranza del mondo. Tant’è vero che per giustificare l'ennesima guerra neocoloniale delle potenze europee in concorrenza fra di loro e con gli Usa, si giudica il regime di Gheddafi, "incivile", africano, con le amazzoni, i cammelli, gli anelli da baciare e quant'altro, e che per questo merita di essere annientato, anche dalla Nato, dagli Usa, dalla Francia, da chiunque!
E’ un delirio razziale innanzitutto.

Alla fine dell'800 i civilissimi inglesi, nella guerra coloniale del capitalismo alla ricerca di materie prime da rubare e di schiavi da deportare, invasero e occuparono il territorio degli incivili Zulù. Faccio questo esempio estremo, perché gli Zulù erano una popolazione semi-primitiva, la più lontana dalle nostre concezioni marxiste, che opprimeva a sua volta altre popolazioni con metodi terribili, altro che il regime di Gheddafi! Gli Zulù si difesero come poterono con archi e frecce contro le armi allora moderne e potenti dell'esercito inglese, e dettero anche delle sonore lezioni di dignità e di coraggio agli inglesi, che poi però con la forza delle armi e della violenza li sconfissero e stabilirono in Sudafrica la vergogna del regime bianco dell’apartheid. Noi comunisti da che parte saremmo stati?
(...)

Mettendo in primo piano la contraddizione principale, che è quella dell'oppressore colonialista e imperialista contro il popolo oppresso, colonizzato, occupato, invaso, sfruttato, senza per questo aderire ai regimi sociali o alle culture dei popoli oppressi, a volte lontane anni luce dalla nostra concezione comunista. Senza mai farci bloccare nella lotta contro le occupazioni e le guerre imperialiste dall'analisi dei regimi dei paesi oppressi. Se sulla base della critica e della nostra opposizione all’incivile regime di Gheddafi dovessimo parteggiare con i civili bombardieri francesi, allora non capisco perché critichiamo la "missione" in Afghanistan contro il regime terribile, fanatico, integralista dei Talebani! Altro che bombardamenti sui matrimoni, sui funerali, sui bambini che giocano ci vorrebbero, bisognerebbe raderli a zero e gasarli tutti questi incivili e barbari popoli del mondo, così brutti, sporchi e cattivi, così diversi da noi bianchi, democratici, occidentali, cristiani!

E' veramente sconcertante questa follia razzista e guerrafondaia che sento in giro anche fra di noi, premessa classica per ben più gravi altre tragedie.

Fra l’altro faccio notare agli ingenui di sinistra che, come si legge da tutti i giornali, è in corso una guerra commerciale fra l'Italia e la Francia. Tremonti prepara un decreto per impedire la scalata dei francesi in importanti aziende italiane. C'entra qualcosa questo scontro economico-commerciale fra Francia e Italia con la vicenda libica? E dico di più, che potrà scandalizzare gli ingenui antiberlusconiani e filo-Pd: c'entra qualcosa l'asse Italia-Russia-Turchia sul gasdotto con l'attacco dei mesi scorsi a Berlusconi (la Turchia accetta di far passare il gasdotto South Stream sulle sue acque territoriali e in cambio i russi accettano di partecipare al progetto dell'oleodotto che collegherà il Mar Nero al Mar Mediterraneo, il tutto con la partecipazione dell’Eni e con la mediazione del governo italiano, cosa che ha irritato molto contemporaneamente gli Usa e Israele)?

C'entra qualcosa con la vicenda libica l'asse Usa-Francia contro l'asse Russia-Germania, come è chiaramente emerso nel voto all'Onu (da cui si spiega la posizione della Lega da sempre filo-tedesca e la ritorsione anti-francese di Tremonti)?

Questa non è geopolitica astratta, è analisi concreta dei conflitti economici e commerciali fra le diverse potenze capitalistiche, che hanno portato il mondo altre volte a guerre mondiali. Invece non è da marxisti, di qualunque tendenza, ma è proprio da ingenui credere che le potenze capitalistiche come quelle europee o come gli Usa siano interessati ai diritti del popolo libico.

Nessun commento:

Posta un commento