venerdì 20 luglio 2012

Abbandonare subito l'euro

La situazione italiana è ormai patologica. Governanti e politici non possiedono più la capacità psichica indispensabile per fermarsi sulla strada intrapresa perché l’affermazione della moneta unica (“l’euro è irreversibile”) è diventata la scommessa in cui è in gioco la superiorità del loro Io. Si tratta di una patologia che ogni psichiatra è in grado di diagnosticare, sapendo bene che è quasi impossibile curarla e che può portare a gesti estremi di distruttività. Quando però tale morbo aggredisce gli esponenti del massimo potere quale il governo di Stati e di Popoli, la storia, anche recente, ci prova che nessuno si azzarda a indicare la presenza di una patologia psichica se non dopo l’estrema rovina, quando è ormai troppo tardi. Vogliamo provare almeno una volta a guardare in faccia questa realtà?

La creazione dell’euro è stata un gesto irrazionale, dettato dalla volontà di potenza dei banchieri che, convinti che fosse ormai possibile per loro diventare i padroni d’Europa sottomettendo qualsiasi altro potere, hanno assolutizzato il proprio strumento - la moneta - trasformandolo nell’unica arma di governo e di dominio. L’euro è nato così, privo di tutto: senza uno Stato, senza un Popolo, senza una Storia, senza un Politica, senza un Futuro. Insomma: privo di realtà. Il che significa frutto di delirio, di allucinazione o, se si vuole, del Super-Io dei banchieri.

Anche se nessuno ha accennato in questi anni a una patologia, sono state molte però le voci di economisti e di banchieri che hanno indicato l’impossibilità di vita dell’euro a causa del suo difetto d’origine: la mancanza di sovranità. Questa è, infatti, l’assurda situazione nella quale ci siamo trovati fino dall’inizio e che è andata fatalmente aggravandosi con il passare del tempo: l’euro non è una moneta “sovrana” perché è fabbricata e messa in circolazione da una banca (la Bce) che non appartiene a nessuno Stato. I debiti degli Stati, a loro volta, non sono debiti “sovrani” perché gli Stati, non battendo più moneta, non sono più “sovrani”. Il potere fondamentale della macroeconomia di uno Stato, infatti, è l’Ability to pay, la capacità di onorare sempre il proprio debito emettendo la propria moneta sovrana. Si è creato, dunque, un circolo vizioso dal quale è impossibile uscire e che fa aumentare il debito all’infinito quali che siano le misure di austerità, di risparmio, di privazioni che i banchieri d’Europa incitano a prendere e che i governi mettono in atto.

Né si pensi di poter proseguire sulla strada dei “rattoppi”, togliendo ulteriori pezzi di sovranità agli Stati. Si tratta di decisioni autoritarie e illegittime (si vuol forse sostenere che, come recita l’articolo 11 della Costituzione, servono a non farsi la guerra?) e che pertanto aumentano la debolezza democratica degli Stati, esponendoli ancora di più all’aggressività dei mercati, come appare ben chiaro dalla situazione quotidiana dell’Italia. Sono decisioni che non incidono minimamente sulla mancanza di sovranità dell’euro perché, come è evidente, non esiste nessuna possibilità di realizzare davvero, a forza di “rattoppi” e senza le finzioni messe in atto fino ad oggi, uno Stato unico europeo. E comunque per l’Italia non c’è tempo; la situazione finanziaria è troppo grave. Il Parlamento si scuota dalla patologia, si renda conto di avere ancora nelle mani il destino dell’Italia e di coloro che l’hanno eletto e torni subito a un governo politico normale che prepari l'abbandono dell'euro.


di Ida Magli

Uscire dall'euro? Si che possiamo ( ... e dobbiamo n.d.r.)

Il livello di democrazia si vede anche dalle piccole cose... Per esempio dal diritto di cittadinanza concesso sia alle idee favorevoli che a quelle contrarie rispetto a una tesi. Un fulgido esempio? L'uscita dall'euro. I sondaggi sono chiari: gli italiani un tempo super europeisti stanno diventando i piu' euroscettici dell'area euro. Alla base di questo radicale cambiamento di opinione ci sono solidi motivi economici, ottimamente spiegati in questo articolo di Emiliano Brancaccio.

Dai dati impietosi emersi da un sondaggio Pew Research Center in otto paesi dell'Unione Europea emerge che il 40% degli italiani vorrebbe che si tornasse alla lira e per il 44% l'euro e' una cosa negativa, contro il 30% che la considera positiva. E che pensano i cittadini delle nazioni che non hanno l'euro? Piangono e si disperano? Niente affatto. Gli Inglesi, a larghissima maggioranza (73%) sono contenti di non essere entrati nel club, contro un 7% di contrari. I Cechi, per il 62% gioiscono di starne fuori, contro un 15% di contrari. I Polacchi, al 54% stanno bene fuori dall'euro, contro un 23% di contrari. Sulla base di questi dati ci dovremmo aspettare un largo dibattito sui giornali e mass media sull'opportunita' di uscire dall'euro.

Se i mass media fossero al servizio del popolo e non cinghia di trasmissione della volonta' delle Elite. Invece quei pochi spazi in cui capita che venga dibattuta la questione vengono usati per fare propaganda a una tesi sola, vedi ad esempio: Il 52% degli italiani contro l'euro e Ballaro' li terrorizza

Cosi' penso che questo bel video sia davvero utile a coprire un vuoto di informazione. Ecco che cosa avresti avuto diritto di sapere, e non ti hanno spiegato, su cosa succede se usciamo dall'euro. Ps chiediti perche' non vogliono che tu sappia, in modo da rendere il rimanere nell'euro l'unica possibilita'.
 
 

Nessun commento:

Posta un commento